Con la partecipazione della più celebre coppia di Hollywood in veste di mascotte.

martedì 25 febbraio 2020

ULF: Un Lavoro Fantastico

Il sito braviautori.it ha bandito un concorso interessante. La loro introduzione suona così: 

UN LAVORO FANTASTICO - bando di concorso per la realizzazione di un'antologia di opere basate su lavori inventati. Inventatevi un lavoro che ancora non esiste e ricamategli attorno una storia. Potete anche resuscitare una professione del passato e adattarla al mondo che, da allora, è cambiato. 

Va anche a voi di partecipare? Allora cliccate QUI, e buona fortuna!

sabato 22 febbraio 2020

Cosminium: l'ultrafantascienza di Marco Alfaroli

Etichette come Fantascienza o Fantasy rischiano di rivelarsi poco appiccicose e scivolar via, se provi ad attaccarle alle opere di Marco Alfaroli. A lui infatti non bastano uno spunto accattivante e un colpo di scena sorprendente per costruire una storia: no, lui ne mette uno a pagina! Il risultato è una fantasmagoria psichedelica, originale e divertentissima, e anche, cosa rarissima, sorretta da uno stile asciutto, immediato e privo di fronzoli inutili. Con Alfaroli, insomma, puoi avere un'overdose di universi alternativi, alieni e ucronie (qualunque cosa siano), ma senza rinunciare al discorso diretto e all'in medias res. Inoltre Marco non sente il bisogno di salire in cattedra, e quindi non devi sorbirti lunghe descrizioni e lezioni di fantastoria e fantageografia, di quelle che di solito agli autori fantasy cosiddetti emergenti piace portar avanti per pagine e pagine, nella convinzione che il prefisso fanta basti a renderle meno noiose e scolastiche. Tra parentesi, Alfaroli è anche un bravissimo illustratore, come puoi vedere dalle copertine dei suoi lavori, che realizza da sé. Cosminium è un compendio di racconti ultrafantastici, in cui però la parte del leone la gioca la mini-saga Amentus Magna - Clade, che anche da sola varrebbe il libro. Il piacere di seguire una storia principale rimane, ma questa, a dispetto della curiosità del lettore, non si prende troppo sul serio, e si reinventa costantemente, regalando sorrisi di stupore e risate in quantità. Insomma, divertimento garantito!

martedì 18 febbraio 2020

Perfect rigor: la vita e l'opera di Grisha Perelman

Il nome del matematico russo Grisha Perelman (lo so, in Italiano si dovrebbe scrivere Perel'man, chissà perché, ma in tutte le altre lingue la trascrizione è Perelman, per cui perché non adeguarsi?) è oggi sconosciuto ai più, ma una decina di anni fa era piuttosto noto anche al di fuori del mondo della matematica. Si tratta infatti di un personaggio pittoresco, entrato nel folclore della matematica per il suo anticonformismo. Perelman, un po' per star lontano dai riflettori, un po' per ribellione contro il sistema (del mondo accademico), ha rifiutato sia l'ambita Medaglia Fields (chiamata popolarmente Nobel della matematica) che il Millenium Prize (che ammonta a ben un milione di dollari!) del Clay Institute, suscitando, a suo tempo, notevole scalpore.  Il libro Perfect rigor di Masha Gessen si barcamena tra i molti mentori e colleghi dello sfuggente Perelman (che non solo non concede interviste, ma in pratica non parla più con nessuno da anni e anni) e dà loro voce, nella vana speranza che molti insignificanti dettagli possano comporre il ritratto di un uomo che è invece talmente schivo da restare lontano e misterioso. Vien fuori un noioso resoconto di una vita altrettanto noiosa, che sembra essere stata dedicata unicamente al piacere della dimostrazione e della risoluzione di problemi astratti. Lasciatemi credere che invece in segreto Perelman ogni tanto, se non altro, si sia concesso una birra!

domenica 16 febbraio 2020

741 - Viaggi nel tempo all'italiana


Il mio nuovo romanzo 741 è da oggi felicemente sbarcato su tutti gli store librari! Lo puoi trovare, oltre che su Boopen, anche su IBS, Amazon, Feltrinelli, e chissà quanti altri... Insomma non hai più scuse! Acquistalo e scopri un romanzo a metà tra il thriller fantascientifico e la commedia: la via italiana ai viaggi nel tempo!

martedì 4 febbraio 2020

E' arrivato 741

E' arrivato finalmente il mio nuovo romanzo! Un thriller fantascientifico, sì, forse, ma all'italiana: un po' a metà tra Timeline e... Non ci resta che piangere! Per ora è disponibile solo su Boopen. Che aspettate? Correte tutti a comprarlo, cliccando QUI: solo per il mese di febbraio c'è lo sconto del 15%, e... buon viaggio e  buon divertimento!


sabato 18 gennaio 2020

Storie di ordinaria santità: Siamo nati e non moriremo mai più

Quella di Chiara Petrillo è una storia vera. Nuda e cruda, è questa: giovane sposa, per due volte consecutive decide di portare a termine la gravidanza, anche sapendo che il nascituro è affetto da malformazioni gravi ed è destinato a non sopravvivere; dà alla luce così Maria Grazia Letizia e Davide Giovanni, regalando a due bambini che di solito si sceglie di sopprimere prima di nascere, i pochi minuti necessari a incontrare il mondo, a conoscere i genitori e i nonni, a essere battezzati. Durante la sua terza gravidanza scopre di avere un tumore; rimanda le cure più invasive a dopo il parto, per non nuocere al bambino. Francesco nasce sano, ma la madre morirà solo un anno dopo, a 28 anni, dopo mille sofferenze, eppure senza cedere alla disperazione. Una vita scomoda per un mondo egoista: Chiara infatti lotta per donare la vita, anziché per godersela. 

mercoledì 15 gennaio 2020

L'origine dell'Origine: L' Arduo cammino di Darwin.


L'Arduo cammino di Darwin. Costruzione di una teoria rivoluzionaria. In altre parole: l'origine dell'Origine (delle specie). In questo saggio, infatti, Piero Borzini ricostruisce accuratamente il percorso che va dal concepimento della teoria, al primo abbozzo manoscritto, alle varie edizioni e aggiornamenti dell'Origine delle specie: il volume fondamentale destinato a cambiare i paradigmi della storia naturale. Borzini ricostruisce la storia del pensiero di Darwin attraverso le lettere ed altri documenti. Un saggio davvero stimolante, che fa emergere aspetti interessanti e a volte sorprendenti dello scienziato inglese e dello sviluppo della sua opera.


sabato 21 dicembre 2019

Ignac Semmelweis, eroe romantico

Ignac Semmelweis, medico ungherese, attivo a Vienna nella prima metà dell'ottocento, fu un precursore di Pasteur. In un'epoca in cui il mondo dei microbi era ancora sconosciuto, intuì l'importanza del lavaggio antisettico delle mani. Egli infatti dedusse e dimostrò che a diffondere un'infezione perniciosa, allora nota come febbre puerperale, tra le donne ricoverate per il parto, erano le mani non lavate degli studenti di medicina, i quali passavano tranquillamente dalla sala autoptica alla sala parto e viceversa. Ma nonostante l'evidenza dei suoi risultati, la comunità scientifica dell'epoca non era pronta ad accettare una verità scomoda che contraddiceva i principi allora in voga (che oggi giudicheremmo ridicoli) soprattutto se a propugnarla era un personaggio pittoresco, irruento, imprudente e arrogante come era Semmelweis. Morale della favola: in vita il medico ungherese fu ostracizzato al punto che fu forse la sua sofferenza psicologica a determinarne il tracollo mentale: Semmelweis concluderà i suoi giorni internato in manicomio. La sua riabilitazione e consacrazione a eroe della medicina saranno postume. Il libro di Piero Borzini, è una sorta di esperimento letterario: un saggio con licenza di prosa poetica. Comunque adatto a presentarci il personaggio nei suoi aspetti contraddittori di eroe tragico e scienziato lucido e razionale.


mercoledì 11 dicembre 2019

The Ballad of Jethro Tull: quando il progressive rock diventa classico

Il volume The Ballad of Jethro Tull racconta i primi 50 anni di carriera di Ian Anderson, vera icona del Progressive Rock, e dei suoi Jethro Tull. Lo fa con splendide immagini e un sapiente mixaggio di interviste, che si completano a vicenda dando l'illusione al lettore che i protagonisti se ne stiano tutti insieme seduti in salotto a chiacchierare. Ma è più di questo: sfogliando il libro volano 50 anni di storia della società, e, in ultima analisi, della nostra vita, oltre che di storia della musica e del music-business. Ormai il tempo ha trasformato la trasgressione in canone: anche il più iconoclasta, il più dirompente e non commerciale elemento di rottura del panorama musicale è diventato monumento, classico di lusso, da onorare e celebrare. Lo stesso destino è toccato agli altri mostri sacri del Rock e del Progressive Rock, ma nel caso dei Jethro Tull la cosa forse è ancor più paradossale, perché saranno per sempre legati all'immagine trasandata e quasi puzzolente del leader, così come si presentava nei primi anni '70, infischiandosene perfino della regola non scritta che tuttora vuole che il frontman di un gruppo sia figo e desiderabile dalle donne.